LA FUGA

opera prima di Sandra Vannucchi

Film delicato e nello stesso tempo forte che indaga sui pensieri e sulle probabili azioni di un’adolescente che ha la madre affetta da depressione e il padre disattento nei confronti della figlia perché preoccupato della situazione famigliare.

La fuga a Roma, il contatto con altri adolescenti che hanno problemi non uguali ma “simili” ai suoi, pur in un ambiente ed un contesto diverso, i due genitori “preoccupatissimi” che la cercano e la ritrovano, fanno considerare a Silvia, che sia la mamma che il babbo (sono di Pistoia) gli vogliono molto bene, e lei a loro. Il film, senza furbizie di regia, emoziona per davvero, vuoi per il complicato argomento trattato, vuoi per la bravura di tutti gli attori a partire Donatella Finocchiaro e Filippo Nigro fino alle giovanissime e bravissime Lisa Ruth Andreozzi (Silvia) e Emina Amatovic (Emina).

Al cinema Palestrina di Milano il pubblico non era numeroso (è la crisi delle sale) ma il successo per questo bel film arriverà.

Il Film è distribuito da “@Lo Lo Scrittoio”, impresa associata CNA Cinema e Audiovisivo.

AM