CHIAMATA PER GLI UNDER 35 DALLA XXI TRIENNALE DI MILANO

Sei un architetto, designer di prodotto o di moda, regista, artista, performer o musicista sotto i 35 anni? 

Invia il tuo progetto sul tema della XXI Mostra Internazionale Triennale (2016). I progetti italiani e internazionali più originali e innovativi saranno esposti.

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 ottobre del 2015.


Per la XXI Mostra Internazionale (2016), la Triennale di Milano ha deciso di individuare e selezionare i progetti italiani e internazionali più originali e innovativi nel campo delle arti applicate (architettura, design e artigianato), arti visive e arti dello spettacolo, cinema, musica e moda.

La call è aperta per i giovani professionisti di età inferiore ai 35 (individui, gruppi, "collettivi" e scuole).

Le opere presentate devono essere prodotte in modo indipendente ed essere legate al tema "21st Century. Design after Design". I progetti di tutti i tipi e di tutti i mezzi sono i benvenuti, sia teorici che reali.
Tutti i progetti selezionati saranno esposti a rotazione in una postazione alla Triennale di Milano, a seconda del tipo di progetto. Verrà anche pubblicato un catalogo delle opere selezionate.

Il comitato consultivo sarà composto da:

Stefano Micelli, presidente, Università Ca 'Foscari di Venezia 
Richard Sennett, London School of Economics, Londra  
Silvana Annicchiarico, Triennale Design Museum di Milano  
Alberto Cavalli, Fondazione Cologni, Milano  
Francesco Bombardi, Fab Lab, Reggio Emilia 
Fabio D'Agnano, IUAV, Venezia 
Stefano Maffei, Politecnico di Milano, Milano 
Carlo Martino, ADI, Roma 
Laura Traldi, giornalista e blogger


La Triennale di Milano organizza la 21 ° edizione del Salone Internazionale, dal titolo "21st Century. Design after Design ".  

L'ascesa delle nuove tecnologie di comunicazione e l’importante riduzione del loro costo, l’aumento della mobilità individuale, la presenza di un linguaggio comune, la necessità di trovare sbocchi produttivi per la progettazione e la presenza di un mercato alternativo generato da Internet sono tutti elementi che consentono ai progettisti di sperimentare le soluzioni più ardite e innovative.

In questo contesto, la ricerca non è più una pratica solitaria o un esercizio bidirezionale tra designer e cliente, bensì un'attività circolare che coinvolge una varietà di competenze e culture. Queste non sono necessariamente tutte nel mondo della produzione e della tecnologia, ma anche nell'arte, nella scienza, nella filosofia e nel design: un processo che porta a qualcosa di più che la semplice produzione di un prodotto o di un oggetto.

È quindi importante affrontare i cambiamenti inerenti l'idea stessa di sviluppo del progetto.

Il Design ha abbandonato la sua posizione di costante cambiamento dei prodotti e delle tendenze al servizio del mercato, vuole ora anzi essere visto come l'opposto dell’effimero. Questo significa che deve adottare un approccio diverso verso una serie di aspetti che hanno sempre fatto parte del mondo del design: la proprietà intellettuale e il copyright, la formazione e l’istruzione, la città e l'ambiente, la professione e tecnologie.

  • Qual è il modo migliore per illustrare e spiegare questo nuovo genere di progetti, iniziative aziendali e linguaggi artistici che caratterizzano questo nuovo scenario economico?
  • In che modo la tradizione e il patrimonio culturale saranno trasformati e rimodellati dalla crescente rilevanza della produzione digitale?
  • In che modo si possono utilizzare le nuove opportunità tecnologiche, e in che modo queste opportunità possono cambiare l'idea di innovazione e design?
  • In che modo l'invecchiamento della società può beneficiare di una idea più personalizzata di produzione e di consumo, e quale sarà il ruolo dei progettisti in questa equazione?
  • Come cambierà il profilo del designer in relazione al nuovo contesto di business e delle nuove regole per quanto riguarda la condivisione del lavoro a livello internazionale?

Queste sono solo alcune delle impegnative domande alle quali la XXI Triennale cercherà di rispondere.


Convenzione con la Triennale di Milano | Vantaggi per i soci CNA

CNA Lombardia ha sottoscritto una convenzione con la Triennale di Milano attraverso la quale si riconosce ai soci della Confederazione - previa esibizione della tessera associativa - la riduzione sul prezzo del biglietto d’ingresso alle mostre di Triennale e al Triennale Design Museum. 
La Triennale di Milano applicherà la riduzione sul prezzo del biglietto d’ingresso pari al biglietto ridotto: 

euro 6.50 per le mostre di prima fascia (intero euro 8.00)
euro 5.00 per le mostre di seconda fascia (intero euro 6.00)
salvo adeguamento delle tariffe d’ingresso alle mostre.