misura a - bando ricerca e innovazione 2015

Creazione di nuove tecnologie digitali

La misura intende favorire progetti per la creazione e lo sviluppo di nuove tecnologie e servizi digitali che abbiano una ricaduta diretta in una delle aree tematiche della Smart Specialisation: agroalimentare, eco-industria, industrie creative e culturali, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile, industria della salute, aerospazio

Cotributo

Voucher del valore di € 20.000 per una spesa minima di € 30.000

Requisiti specifici della misura A

La misura A è riservata alle imprese che operano nel settore delle tecnologie digitali e svolgono un’attività classificata secondo i seguenti codici Ateco 2007 primario:
- divisione 26: Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi
- divisione 27: Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche
- divisione 58: Attività editoriali
- divisione 59: attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore
- divisione 60: Attività di programmazione e trasmissione
- divisione 61: Telecomunicazioni
- divisione 62: Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse
- divisione 63: Attività dei servizi d'informazione e altri servizi informatici
L’azienda deve possedere uno dei codici elencati al giorno di pubblicazione del bando sul BURL (11/08/2015)

Spese ammissibili

In fase di presentazione della domanda dovranno essere già presentati i preventivi di spesa ; le spese potranno essere sostenute a partire dalla data di pubblicazione sul BURL del bando (11/08/2015).
Tra le spese ammissibili rientrano, a titolo esemplificativo:
A.1. Contratti di collaborazione con enti di ricerca; 
A.2. Servizi e tecnologie per lo sviluppo di prototipi e/o campionari; 
A.3. Check-up tecnologici, sperimentazioni; 
A.4. Servizi e tecnologie per l’ingegnerizzazione di software/hardware e prodotti relativi al progetto di ricerca; 
A.5. Spese per la tutela della proprietà industriale; 
A.6. Investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto; 
A.7. Spese del personale dipendente dell’azienda, impiegato nel progetto di ricerca e innovazione (nel limite del 30% della somma delle voci di spesa ammissibili comprese nelle categorie da A.1 a A.6), solo se espressamente dedicato al progetto
A.8. Sono ammesse anche le consulenze specialistiche legate allo sviluppo delle tecnologie inserite nella voce di spesa A.6 (nel limite del 20% della somma delle voci di spesa ammissibili comprese nelle categorie da A.1 a A.6).

Link istituzionale