L'Unione CNA Costruzioni è l'istanza di aggregazione di interessi professionali e di settore per le imprese che operano nella filiera delle costruzioni edili. Costituisce l'ambito di specializzazione di questa tipologia di imprese e comprende le imprese dei seguenti settori:

  • edilizia e specializzazioni edili
  • bioedilizia
  • produzione di ceramiche refrattarie, piastrelle, mattoni tegole ed altri prodotti per l'edilizia
  • recupero e restauro del patrimonio architettonico, storico, culturale ed artistico
  • escavazione e trasformazione dei materiali lapidei e del marmo
  • imprese di pulizia

L'Unione CNA Costruzioni svolge la funzione di rappresentanza e, pertanto:

  • rappresenta gli interessi degli associati nell’ambito dell’Unione stessa, impegnandosi a determinare una effettiva ed equilibrata integrazione organizzativa del sistema CNA;
  • rappresenta istituzionalmente le relative categorie professionali;
  • elabora e gestisce le relazioni sindacali di competenza;
  • elabora ed attua le politiche di promozione economica di settore, anche attraverso apposite iniziative volte alla erogazione di servizi settoriali alle imprese;
  • da' vita a forme di coordinamento intersettoriale, di concerto con gli organismi confederali

Portavoce territoriale  Edilizia  Daniela Cavagna


 

SEMINARIO DI APPROFONDIMENTO

CERTIFICAZIONE DI QUALITA’ La nuova ISO 9001 edizione 2015

Lunedì 20 febbraio 2017 – ore 18,30

CNA Milano – Via Marco D’Aviano 2

Per gestire il passaggio della ISO 9001 edizione 2008 alla nuova edizione 2015, bisogna conoscere e comprendere l’intenzione del legislatore e i contenuti innovativi e quelli modificati della Norma.

Per questo CNA organizza a Milano un incontro dedicato a quelle imprese che sono già certificate secondo la ISO 9001:2008 e che si trovano oggi ad adeguare il proprio sistema di gestione per la qualità alla nuova edizione 2015. >>>

Crisi edilizia

Incerpi: “Non si può più rimandare un pacchetto di interventi urgenti e straordinari insieme a un piano pluriennale. E’ ora di fare uscire dai box Casa Italia”

Roma, 12 gennaio 2017 - “Oltre 52mila imprese. Un terzo del fatturato e altrettanto del valore aggiunto, crollato da 23,8 a 15,8 miliardi. E più di mezzo milione di occupati, tre su dieci. La lunghissima crisi che ha devastato l’economia italiana tra il 2008 e il 2016 è stata un’ecatombe per il settore delle costruzioni che ha perso in questi anni imprese, fatturato, valore aggiunto, occupazione. Non si può più rimandare un pacchetto di interventi urgenti e straordinari per arrestare l’emorragia e cercare di avviare la ripresa di un comparto che non ha mai intravisto l’uscita dal tunnel”.

A lanciare questo appello è il presidente di CNA Costruzioni, Rinaldo Incerpi.

“Recuperare le imprese e i lavoratori usciti dal mercato non è facile né scontato – spiega – ma non si può perdere altro tempo. Il Governo deve cominciare presto e bene a intervenire su questo settore cruciale per la ripresa economica dell’Italia. La semplificazione burocratica, la trasformazione in credito del bonus per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica, l’allentamento della stretta creditizia, l’alleggerimento fiscale sono i primi ingredienti di una incisiva politica per il rilancio del settore da mettere rapidamente in campo. Ma è indispensabile un piano pluriennale straordinario che permetta la messa in sicurezza e la riqualificazione del patrimonio edilizio italiano a partire dalle aree colpite dal terremoto e una rigenerazione urbana profonda di tutti i centri d’Italia, piccoli, medi e grandi. Insomma, è ora di far uscire dai box Casa Italia, che racchiude tutto questo nella sua missione”. “Un chiara indicazione di rotta sull’edilizia, sostenuta da adeguate risorse, da parte del nuovo Governo – conclude - è il necessario segnale che le imprese edili attendono da anni. Confidiamo che possa essere la volta buona”.

settore costruzioni

Appalti in house: bene le linee guida per controllare ... Il FOIA rende più trasparente il mondo degli appalti ... Audizione CNA in ANAC sul sistema unico di qualificazione  ... Sistri, edilizia scolastica, ecc. gli altri rinvii del Milleproroghe ... varie ... >>>

All Digital Smart Building 2016  

Intervista a Carmine Battipaglia 

Una professione
che si evolve

Gli installatori artigiani verso la domotica

«Bisogna orientarsi verso lavori che oggi non esistono ancora, o quasi». Carmine Battipaglia, presidente CNA Installazione Impianti, spiega il motivo che ha portato la Confederazione a partecipare a All Digital - Smart Building 2016 ad organizzare il convegno dedicato alla domotica. «Lo sviluppo e il contesto sociale ci porteranno a interagire con le abitazioni. Vince perciò chi crede per primo alle nuove tecnologie» .

GUARDA L'INTERVISTA

Ministero dell'Ambiente 

legge di stabilita'

Roma, 19 ott - “In questa manovra c’è una grande spinta verso l’economia circolare e la visione di un ambiente sempre più multidisciplinare, che funziona se diventa veicolo e non vincolo di sviluppo, se collabora con gli altri ministeri”. Lo afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, presentando martedì in conferenza stampa le novità della legge di stabilità. “Il nostro provvedimento ambientale – prosegue il ministro è proprio Industria 4.0: lì ci sono azioni importantissime sulla strada dell’economia circolare. Penso alle tecnologie ambientali per il riuso e il riciclo dei prodotti, ai sistemi per il risparmio energetico, agli impianti di raccolta e smaltimento. Tutti gli investimenti – spiega Galletti – oggi godranno dell’ammortamento al 250%, così come sono previste altre fortissime agevolazioni, dal credito d’imposta per la ricerca interna al 50% alla detrazione al 30% per gli investimenti sulle pmi innovative”. “Questo – ha detto il ministro – è un nuovo modo di fare sviluppo, in cui l’ambiente diventa un vero motore di crescita”.

Galletti ha anche affrontato il tema del dissesto idrogeologico: “La Stabilità integra le risorse esistenti, che già oggi ci consentono di intervenire sulla messa in sicurezza del territorio, come sulle bonifiche e sulle depurazioni. Parliamo di interventi che costano e che richiedono tempo. Noi mettiamo le risorse ma non si pensi che a quel punto il problema è risolto. Parliamo di lavori – conclude il ministro – che termineranno oltre la legislatura: altri incasseranno i risultati ed è forse questo il motivo per cui nessuno li aveva mai fatti a differenza nostra”.

Galletti ha ricordato anche l’ecobonus al 65% esteso a condomini e alberghi e i fondi per la mobilità sostenibile.

Fonte: Ministero Ambiente

Minambiente Ecobonus Legge Stabilità

Novità per il settore 

Sostenibilità ambientale nelle costruzioni, l'UNI aggiorna la UNI/PdR 13:2015

Notizie riguardanti il settore costruzioni relative alla sostenibilità ambientale, al Nuovo Codice e opere pubbliche a cura e spese del privato, al Testo unico sicurezza (Dlgs n.81/2008), edilizia scolastica, ecc. >>>

Regione Lombardia 

Nuova legge sulle costruzioni in zone sismiche

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, Supplemento n. 42 di venerdì 16 ottobre 2015, è stata pubblicata la Legge regionale n. 33 del 12 ottobre 2015, recante “Disposizioni in materia di opere o di costruzioni e relativa vigilanza in zone sismiche”.

La legge aggiorna la normativa lombarda sulle costruzioni in zona sismica, uniformandola alle nuove disposizioni statali in materia edilizia. 

Il provvedimento recepisce anche il pronunciamento della Corte Costituzionale che stabilisce come ogni legge regionale debba prevedere per gli interventi in zona sismica il rilascio di una apposita e preventiva autorizzazione. La precedente legge regionale lombarda, del 1985, non prevedeva tale obbligo. >>>

 SPLIT PAYMENT

Silvestrini: "E' un maxi drenaggio di liquidità vitale per le imprese. In sette mesi sottratti oltre 2.553 milioni. Va abolito"

Certificazione energetica degli edifici

Nuovo APE dal 1° ottobre 2015

La Conferenza delle Regioni e le autonomie locali hanno sancito l’intesa sul Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (versione in bozza del 16 Giugno 2015) che disciplinerà l’Attestazione della prestazione energetica (APE) degli edifici dal 1° ottobre 2015 in sostituzione del DM 26 giugno 2009. Dal sito Edilportale ripropongo le prime anticipazioni>>>

 Certificazione energetica degli edifici

Dal 1° ottobre il nuovo A.P.E.