CNA FITA rappresenta e tutela le imprese che aderiscono al settore del trasporto merci e del trasporto persone.


TRASPORTO MERCI


L’Unione CNA FITA associa imprese di autotrasporto di cose per conto terzi dell’artigianato e della piccola e media impresa e le loro forme organizzate, quali ad esempio i consorzi e le cooperative.
Le imprese associate operano principalmente nel trasporto per conto terzi di prodotti industriali a carico completo, nei trasporti di prodotti agroalimentari ed a temperatura controllata (ATP), nel trasporto petrolifero e chimico, nei trasporti di veicoli, in quello di rifiuti e di merci pericolose, nella distribuzione urbana e a medio raggio e nel trasporto di collettame, nei trasporti combinati, in quelli di materiale da costruzione, nei cementi e negli inerti, nei trasporti eccezionali, oltre che nelle attività complementari e sussidiarie al trasporto delle merci.


Tra gli obiettivi dell’Unione:

  • tutelare, assistere e rappresentare i propri associati
  • sviluppare in modo qualificato l’Associazionismo economico tra gli imprenditori del trasporto
  • intrattenere rapporti industriali con le principali organizzazioni della committenza partecipando alla stipula degli Accordi economici nazionali di settore che fissano prezzi e condizioni di trasporto delle diverse tipologie di merci
  • tenere rapporti per il Parlamento ed il Governo, anche con la propria diretta partecipazione ai diversi tavoli di concertazione, mantenere rapporti con la Pubblica Amministrazione centrale e periferica
  • partecipare attivamente alla contrattazione e stesura del CCNL offrendo la diretta assistenza alle imprese


In Lombardia è stato costituito nel ’96 un Consorzio di autotrasportatori denominato CO.L.SE.A. (Consorzio Lombardo Servizi Autotrasporto) per offrire ai propri associati servizi alle imprese e per abbattere i costi di gestione delle stesse.
I servizi offerti sono: tessere autostradali italiane ed estere, tessere per il passaggio dei tunnel del Frejus e del Monte Bianco, ticket per il servizio traghetti, servizio assicurativo, servizio revisioni, tessere servizio carburante.

Per iformazioni generiche legate all'Impresa contattateci via mail all'indirizzo

Per informazioni e approfondimenti contattare il funzionario di riferimento Danilo Cerri al numero 02.244.16.453

Per informazioni su servizi mirati alla categoria trasporto merci contattare CO.L.SE.A.

 

 

TRASPORTO PERSONE


A questo comparto aderiscono le imprese dei settori:

  • taxi
  • autonoleggiatori con conducente
  • autonoleggio bus

con lo scopo di tutelare gli interessi delle categorie professionali, valorizzarne il profilo tecnico-economico ed elaborare progetti tecnici, economici e legislativi finalizzati a sviluppare la capacità d’impresa in un corretto contesto concorrenziale.

Per iformazioni generiche legate all'Impresa contattateci via mail all'indirizzo

Per informazioni e approfondimenti relativi al trasporto di persone con autovetture potete scrivere all'indirizzo

Per informazioni su servizi mirati alla categoria trasporto con taxi contattare S.A.TA.M.

 

Presidente dell'Unione: Raffaele Grassi

 

 

 

 

Class Truck Story

"Si chiama Class Action, ed è un'azione collettiva che fino a poco tempo fa vedevamo sono nei film americani. Adesso tocca da vicino tutto l'autotrasporto. Ecco perché" .

Inizia così l'articolo apparso su VIE & Trasporti del mese di giugno 2017 nel quale viene riportato un comunicato di CNA FITA Lombardia. >>>

VEICOLI PESANTI

Cambiano pesi e dimensioni

Camion più aerodinamici? Si possono fare più lunghi. Camion che viaggiano con carburanti alternativi? Possono innalzare la massa complessiva di una tonnellata per non gravare sulla capacità di carico. Ma anche camion con sensori che trasmettono il loro peso o che possono allungarsi di 15 cm se trasportano container o casse aerodinamiche. Queste e altre novità sono contenute nel decreto 6 aprile 2017 del ministero dei Trasporti pubblicato in Gazzetta Ufficiale soltanto lo scorso 9 giugno e che recepisce la Direttiva n.2015/79 che modifica una precedente Direttiva (la 96/53) dedicata alle dimensioni massime dei veicoli che circolano in traffico nazionale e internazionale e ai pesi massimi autorizzati nel traffico internazionale, entrato in vigore il 10 giugno scorso.

Leggi l’articolo completo tratto dalla rivista on line  “Uomini e Trasporti.it”  >>>

Lunedì 29 maggio 2017

sciopero dipendenti delle imprese di autotrasporto

Le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil trasporti hanno proclamato per il giorno 29 maggio 2017 uno sciopero nazionale di 4 ore nel settore autotrasporto merci, le cui modalità saranno articolate a livello territoriale.

Pur condividendo lo spirito delle rivendicazioni di CGIL, CISL, UIL - riguardanti alcune modifiche sui tempi di guida e di riposo e sulle disposizioni sul distacco transnazionale, in discussione a Bruxelles, e che avrebbero un impatto negativo sugli autisti - non possiamo che rimarcare il ritardo con cui la classe politica si accorge degli errori che la UE sta facendo .

Pochi accennano al forte impatto che alcuni di questi provvedimenti avrebbero sulle imprese: uno per tutti la liberalizzazione totale del cabotaggio che andrà in votazione in Parlamento europeo il giorno 31 maggio contro la quale solo la CNA FITA LOMBARDIA fino ad ora si è espressa.

Noi ne condanniamo fin da ora l'eventuale approvazione. Le imprese faranno tutto quanto è loro diritto fare per tutelarsi dal DUMPING selvaggio autorizzato dalla UE.

proclamazione sciopero autisti

TAXI | buone notizie

UBER deve avere le licenze e le autorizzazioni

Conclusioni dell'avvocatura generale UE - Corte di giustizia dell’Unione europea

Lussemburgo, 11 maggio 2017

Secondo l’Avvocato generale Szpunar la piattaforma elettronica Uber, pur rappresentando un’idea innovativa, rientra nel settore dei trasporti, con la conseguenza che la Uber può essere obbligata a possedere le licenze e le autorizzazioni richieste dal diritto nazionale.
Uber non beneficia infatti del principio della libera prestazione dei servizi garantito dal diritto dell’Unione ai servizi della società dell’informazione.

Il Presidente Regionale della CNA FITA Lombardia Patrizio Ricci afferma " finalmente una parola quasi definitiva anche dalla UE - ricordo solo che se non fosse così, la liberalizzazione dei servizi avrebbe coinvolto anche il trasporto merci mettendo definitivamente in pericolo migliaia di imprese e mettendo alla berlina, in termini di sicurezza, tutti i cittadini - il tassista, l'autonoleggiatore, l'autotrasportatore sono attività serie, connotate da professionalità accertate e pertanto AUTORIZZATE; liberalizzare uber avrebbe significato e significherebbe legalizzare l'abusivismo e legalizzare l'evasione fiscale."

Comunicato Corte Giustizia Europea

ALBO AUTOTRASPORTATORI

Progetto Giovani Autisti

Nuove opportunità di formazione e lavoro per i giovani per diventare onducente professionale di veicoli pesanti

Pubblicato il bando PROGETTO GIOVANI CONDUCENTI che l’Albo Autotrasporto ha realizzato per formare giovani disoccupati e avviarli alla professione di autista trasporto merci.  Il bando è rivolto a giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni che devono essere in possesso della patente B; avere la residenza in Italia oltre ai requisiti previsti dall'avviso di selezione del bando.  Ecco tutte le informazioni e cosa sapere >>>  

Scarica il bando completo Avviso giovani FASE 1 VERSIONE FINALE

Autorità Regolazione Trasporti

Autorità Trasporti
non può chiedere contributo all’autotrasporto

La Corte Costituzionale ha stabilito - con sentenza 69/2017 del 7 aprile 2017 - che l'Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART) non può obbligare a pagare il contributo annuale ai settori su cui non esercita funzione istituzionale. Nella sentenza, i giudici costituzionali chiariscono che l'Autorità dei Trasporti può chiedere il pagamento del contributo solamente ai gestori delle infrastrutture e dei servizi regolati, che sono i settori nei quali l'Autorità ha competenza e per i quali ha concretamente esercitato le sue funzioni di regolazione. Tra queste non rientrano l'autotrasporto e la logistica.

In particolare, la sentenza afferma che "a platea degli obbligati non è individuata, come ritiene il rimettente, dal mero riferimento a un'ampia, quanto indefinita, nozione di 'mercato dei trasporti' (e dei 'servizi accessori'); al contrario, deve ritenersi che includa solo coloro che svolgono attività nei confronti delle quali l'ART ha concretamente esercitato le proprie funzioni regolatorie istituzionali, come del resto ha ritenuto anche il Consiglio di Stato in fase cautelare (Consiglio di Stato, quarta sezione, ordinanza 29 gennaio 2016, n. 312)".

Questa sentenza permette al Tar del Piemonte (che aveva chiesto l'intervento della Corte Costituzionale) di deliberare sul ricorso contro il pagamento presentato da associazioni e imprese del trasporto per il 2014 e il 2015.

Ungheria

DIVIETI PERIODO PASQUALE

Il parlamento ungherese, con decreto n.190/2008, ha approvato nuove restrizioni di traffico relative al periodo pasquale, in quanto il venerdì Santo, in Ungheria, è considerato, da quest’anno, a tutti gli effetti giorno festivo.

Il provvedimento di restrizione al traffico dei veicoli con massa superiore a 7,5 tonnellate, quali autocarri, trattori, trattori agricoli, nonché a tutte le combinazioni di questi veicoli con semirimorchi quale che sia il loro Paese di immatricolazione, si applicherà dalle ore 22,00 del 13 aprile e determinerà, per il periodo pasquale, il seguente calendario di limitazioni:

  • 13 aprile (giovedì santo): ore 22,00-24,00;
  • 14 aprile (venerdì santo): ore 00,00-24,00
  • 15 aprile (sabato santo): ore 22,00 -24,00;
  • 16 aprile (Pasqua): ore 00,00-24,00
  • 17 aprile (lunedì dell’Angelo): ore 00,00-22,00

Austria | In Tirolo, dal 1° maggio 2017

i veicoli pesanti devono esporre il contrassegno ecologico

Abbiamo a suo tempo dato notizia dell’entrata in vigore dal 1° novembre 2016, in Tirolo, del “divieto settoriale” di transito per i veicoli di peso complessivo superiore a 7,5 t nel tratto dell’A12 compreso tra Kufstein e Zirl, in entrambe le direzioni.

Come si ricorderà, il divieto esonera i veicoli Euro6 e, ma solo fino al 30 aprile 2017, anche gli Euro5.

Il provvedimento austriaco stabilisce inoltre che, dal 1° maggio 2017 l'appartenenza alla classe Euro dei veicoli dovrà essere dimostrata unicamente mediante un contrassegno ecologico - “Abgasplakette” – e non più attraverso i documenti del veicolo.

Dal 1° maggio prossimo, pertanto, tutti i veicoli delle classi Euro3, 4, 5 e 6 utilizzati all'interno delle “aree IG-L-ban” (cioè quelle in cui vige il divieto per i veicoli di classe Euro 0, 1 e 2) devono essere muniti del contrassegno posto sulla parte destra del parabrezza, di colore variabile a seconda della classe Euro del veicolo (giallo Euro3; verde Euro4; azzurro Euro5; viola Euro6).

Tachigrafo rotto o sigillo rimosso

necessaria a bordo la giustificazione scritta dell'officina

Deve essere l’officina a provvedere alla sua compilazione, timbratura e sottoscrizione

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE L79 del 24 marzo il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/548 della Commissione, del 23 marzo 2017, che stabilisce un modulo standard per la giustificazione scritta relativa alla rimozione o alla rottura del sigillo del tachigrafo. >>>

TAXI | CONCORRENZA SLEALE

UBER COSTRETTO A CHIUDERE IN TUTTA ITALIA DAL TRIBUNALE DI ROMA

Il S.A.Ta.M.- Sindacato Artigiani Taxisti di Milano e Provincia - comunica che è stata pubblicata la sentenza con la quale il Tribunale Civile di Roma ha ordinato il blocco e l’inibizione del servizio Uber -Black su tutto il territorio italiano per accertata concorrenza sleale nei confronti degli operatori del servizio Taxi. >>>