Reg. UE n°65/2014

FORMAZIONE PER IL BUON FUNZIONAMENTO DEI TACHIGRAFI 

ATTENZIONE AI CORSI NON CONFORMI AL REGOLAMENTO - CONSEGUENZE GRAVI PER LE AZIENDE

Siamo ancora in attesa dell'emanazione del decreto sulla formazione relativa al corretto uso dell'apparecchio tachigrafo, ed ancora oggi tutte le associazioni sono in possesso solo di bozze, l'ultima delle quali inviataci il 20.10.2016 recante: schema di decreto attuativo dell'articolo 33 del regolamento 165/2014 .

Il richiamato schema di decreto è stato diffuso al fine di consentire l'adeguamento ai suoi contenuti dei progetti che si intendono presentare ai sensi delle procedure previste dal decreto del MIT sulla formazione agevolata per l'anno 2016.

Questo ultimo invio arriva sicuramente troppo a ridosso della scadenza del 28 Ottobre entro cui vanno presentate le istanze per accedere ai contributi destinati ai piani formativi riconosciuti dal Decreto Prot. 208 del 9.6.2016 (tra cui può rientrare anche il corso per il tachigrafo di cui trattasi).

Vale la pena ricordare che il MIT già a Giugno 2016 aveva diffuso una bozza di decreto in cui venivano date indicazioni di massima su come si pensava di strutturare il corso: durata minima 8 ore, soggetti abilitati all’erogazione dei corsi, docenti autorizzati a svolgere gli interventi formativi ed infine programma dei corsi di formazione.

Tali suddette condizioni, coincidono con la proposta UNATRAS (resa nota in data 14 Giugno 2016 ).

Gli unici corsi validi sono pertanto quelli il cui contenuto corrisponde alle indicazioni riportate nella bozza di decreto (durata minima, soggetti abilitati all’erogazione, requisiti dei docenti e contenuto del programma)

Ciò vale anche e soprattutto per coloro che hanno presentato progetti di formazione ai sensi del decreto MIT per la formazione agevolata e che volevano inserirvi anche i corsi sul cronotachigrafo.

Purtuttavia è ancora possibile correggere i contenuti dei programmi dei corsi e modificare il programma del corso in funzione di quanto richiesto nella bozza di Decreto di cui sopra purchè non vengano modificate le ore complessive del progetto formativo in cui è compreso anche il corso sul tachigrafo. Inoltre è fondamentale che sia ben specificato il motivo della modifica nella relazione finale.

Infine, ricordiamo che l’attività di formazione disciplinata dal predisponendo decreto, NON COSTITUISCE SPECIFICA PRESCRIZIONE NORMATIVA di carattere nazionale a carico delle imprese di autotrasporto e pertanto non si configura come obbligatoria”; ciò sta a significare che le imprese saranno comunque libere di assolvere o meno a questa specifica formazione consapevoli però dei conseguenti effetti.

Pertanto questi sono i casi :

Hai fatto la formazione per i dipendenti (FORMAZIONE ASSOLTA) secondo i criteri previsti dalle linee guida del MIT ? ( 8 ore ecc.) 

  • non avranno responsabilità in materia delle nuove norme sulla perdita dell’onorabilità
  • saranno esonerate dalla corresponsabilità per le infrazioni commesse dagli autisti (co.14, art.174, D.L.gs 285/92)

NON hai fatto la formazione per i dipendenti (FORMAZIONE NON ASSOLTA) secondo criteri diversi da quelli delle linee guida del MIT 

  • corresponsabilità dell’impresa per le infrazioni commesse dagli autisti
  • se il conducente incorre in infrazioni che riguardano il cronotachigrafo (Reg. 165/2014) ovvero i tempi di guida e riposo (Reg. 561/2006), l’impresa rischia di perdere l’onorabilità in quanto, tra le violazioni previste dal Regolamento (UE) 2016/403, che entrerà in vigore il 1° Gennaio 2017, ci sono proprio, tra le altre, anche queste due circostanze (Regolamento (UE) 2016/403, Allegato III)