CNA Installazione e Impianti è l'Unione che rappresenta le imprese operanti nel settore impiantistico termico, del gas, elettrico ed elettronico, antennistico, ascensoristico, dei riparatori di apparecchi elettrodomestici, ecc. 

È impegnata a fornire alle imprese associate gli strumenti essenziali per migliorare il livello della loro attività e mette a loro disposizione  una serie di servizi mirati: dallo scambio di opinioni e informazioni generali, all'analisi delle problematiche specifiche della singola azienda, dalla fornitura di servizi e consulenza alla rappresentanza degli interesse ed alla tutela sindacale.

Oltre ad una serie di seminari informativi e di corsi di aggiornamento, CNA Milano - Monza Brianza offre ai propri associati il servizio di SPORTELLO CAIT - Centro Assistenza Impianti Termici.

  • Portavoce territoriale  Elettrici Paolo Ponzini
  • Portavoce territoriale  Termoidraulici Roberto Tavecchia
  • Portavoce territoriale  Frigoristi  Maurizio Fachera

 

 

 

 Così l'edificio "accumula" energia per il benessere

Questo il titolo dell'articolo scritto da Paola Gallerini e pubblicato sulla rivista "il giornale del termoidraulico" in cui è presente l'intervento di Andrea Zucconi, Associato CNA Milano Monza Brianza.

 

Documenti
Scarica questo file (Articolo_andrea_zucconi.pdf)ARTICOLO IN PDF[ ]2970 kB

 EFFICIENTARE L'EDIFICIO CONDOMINIALE

Grande successo per il seminario gratuito organizzato dall'Area Monza Brianza e dedicato agli Impiantisti Termoidraulici, che si è tenuto lo scorso 27 maggio a Limbiate.

Corriere Economia

Bonus fiscali all'operazione salvataggio

Intervista al Segretario Generale CNA Sergio Silvestrini 

L’articolo riporta la proposta di CNA di rendere stabili e permanenti gli incentivi c.d. ECOBONUS, dimostrando nei fatti e con numeri le ricadute positive di questi dispositivi sia per la tenuta ed il rilancio del settore, sia per le entrate dello Stato.

leggi l'intervista a Sergio Silvestrini

 

INCONTRO aperto alle Aziende di installazione termoidraulica

Avviso MISE

realizzazione diagnosi energetiche delle PMI

Il Ministero dello sviluppo economico e il Ministero dell’ambiente, hanno pubblicato l'Avviso che avvia il programma destinato a stimolare le piccole e medie imprese a rendere più efficienti i loro consumi energetici. >>>

CALDAIE - da settembre arriva la nuova etichetta energetica

ecco cosa cambierà

A partire dal 26 settembre 2015 entreranno in vigore i regolamenti 811/2013, 812/2013, 813/2013 e 814/2013 di etichettatura energetica e progettazione compatibile (ecodesign), rispettivamente per gli apparecchi di riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda sanitaria.

Cosa comporterà questa novità che Assotermica, l’associazione dei costruttori di apparecchi e componenti per impianti termici, non esita a definire “epocale”?  >>>

 REGISTRO TELEMATICO - DICHIARAZIONE ISPRA

Ogni anno entro il 31 maggio

 

 CNA Milano Monza Brianza e EUROLAB insieme per gli Impiantisti

 

STIPULATA LA NUOVA CONVENZIONE

norma UNI 11554 – certificazione operatori gas

“non esiste alcun obbligo di certificazione” 

lo ribadiscono in un comunicato congiunto ACCREDIA-CIG

Il comunicato congiunto ACCREDIA-CIG è un atto dovuto in quanto alcuni operatori, che si erano già distinti in occasione dell’entrata in vigore del cosiddetto “Patentino del Frigorista” (DPR 43/2012) nel mettere in giro notizie false circa le procedure di certificazione, non hanno perso occasione, neanche stavolta, nel far paventare agli operatori una presunta obbligatorietà della certificazione, con conseguente offerta economica circa il corso da sostenere e l’esame di certificazione

Per la tutela degli interessi degli installatori, è necessario vigilare affinchè alla categoria non giungano informazioni non corrette e smentire categoricamente in tutte le sedi la presunta possibilità che la certificazione sulla norma UNI 11554 divenga obbligatoria.

Leggi il Comunicato ACCREDIA-CIG

 

APPALTI - Audizione Senato 

CNA:  Norme da riscrivere

Oggi favoriscono le grandi imprese. Per i piccoli restano i subappalti

Roma 24 febbraio 2015 - “Le nuove disposizioni comunitarie possono rappresentare un’opportunità per dare un assetto organico, snello e innovativo, al sistema sugli appalti, per creare migliori condizioni di mercato per tutte le imprese e per qualificare la spesa pubblica”. Lo ha detto Mauro Cassani, Vice Presidente Nazionale della Cna, durante l’audizione tenuta ieri presso la Commissione Lavori Pubblici del Senato.

L’attuale contesto normativo favorisce le grandi imprese – ha sottolineato Cassani - privilegia la capacità finanziaria a danno di quella professionale e organizzativa, e confina le piccole imprese nel recinto dei subappalti, senza alcun sistema di garanzie”.

Obbligo di suddivisione in lotti, requisiti finanziari parametrati ai singoli lotti, eliminazione delle garanzie per appalti fino a 250.000 euro, formazione e informazione diffusa alle imprese, norme di tutela del subappalto, queste le priorità indicate dalla CNA per la costruzione del nuovo quadro normativo.

“E’ necessario lavorare per arrivare ad un nuovo testo unico per appalti e concessioni, realmente ispirato ai criteri indicati dallo Statuto delle Imprese – ha concluso Cassani - che superi definitivamente gli oltre 700 articoli e i 50 allegati del Codice Appalti e del relativo Regolamento, in favore di uno strumento chiaro e accessibile che tuteli la concorrenza e favorisca, finalmente, una maggiore apertura del mercato. Poche e semplici regole – ha concluso - possono tradursi in un più facile approccio alle procedure e, di conseguenza, in minori oneri amministrativi per le imprese”.