LEGNO-LAPIDEI

Firmato Rinnovo CCNL

Martedì 13 marzo, presso la sede di CNA Nazionale, CNA Produzione, CNA Costruzioni, e le altre organizzazioni datoriali hanno sottoscritto insieme a Fillea CGIL, Filca CISL e Feneal UIL l’accordo di rinnovo del CCNL Area Legno Lapidei per il triennio 2015-2018.

Nella delegazione trattante per la CNA erano presenti: Nara Bocini Vice Presidente Nazionale CNA Produzione, Valentina Di Berardino Coordinatrice Nazionale CNA Produzione, Salvatore De Rosa Vice Presidente Nazionale CNA Costruzioni, Ferdinando De Rose CNA Costruzioni e Maurizio De Carli Responsabile Ufficio Politiche Contrattuali CNA.
Dopo una lunga trattativa avviata a fine 2015, le numerose parti sociali interessate hanno quindi raggiunto l'accordo per il rinnovo del C.C.N.L che si applica ai dipendenti delle Imprese Artigiane e delle Piccole e Medie Imprese, e loro consorzi, che operano nel settore della estrazione e lavorazione di materiali lapidei scaduto a marzo 2014.
Il nuovo accordo, anche se le norme che contiene avranno applicazione dalla data di stipula, copre l'intero periodo dal gennaio 2016 al 31 dicembre 2018.

«Si tratta di un passo importante», ha dichiarato Salvatore De Rosa, titolare dell'omonima impresa di marmi e portavoce nazionale per il settore lapidei di CNA Costruzioni, «per il mantenimento dell'autonomia contrattuale di un settore in cui, più di altri, le imprese artigiane e le piccole imprese hanno una propria specificità organizzativa, che le differenzia dall'industria estrattiva, essendo prevalentemente vocate verso quelle lavorazioni che da sempre contraddistinguono nel mondo il Made in Italy e l’accordo appena sottoscritto è l’ennesima conferma dell’impegno della nostra Confederazione nel dare riscontro alle esigenze delle Imprese rappresentate».

Numerose le novità contenute nel nuovo contratto.
Sono state aggiornate le norme sull'apprendistato, prevedendo inoltre, la possibilità di stipulare, con soggetti che hanno più di 29 anni di età o svantaggiati, una ulteriore tipologia di contratti a tempo indeterminato con retribuzioni che consentono alle imprese di mantenere flessibilità e di contenere il costo del lavoro per i primi 24 mesi, e sono stati aumentati i limiti quantitativi del contratto a tempo determinato.
Mantenuta la previsione di una contrattazione collettiva di secondo livello; prevista la ultrattività delle nuove norme che continueranno ad applicarsi anche dopo il termine indicato, fino alla data di decorrenza del successivo.

Gli aumenti economici concordati a regime, per le Imprese Artigiane del settore Lapidei, Escavazione, Marmo sono pari a: € 56.00 al livello 5, con le seguenti decorrenze: €33.00 con la retribuzione del mese di marzo 2018, e € 23.00 con al retribuzione del mese di giugno 2018.
Per le Piccole e Medie Imprese del settore Lapidei, Escavazione, Marmo gli aumenti economici a regime sono pari a € 66.00 al livello 5 con le seguenti decorrenze: € 33.00 con la retribuzione del mese di marzo 2018, € 33.00 con la retribuzione del mese di giugno 2018.
Ad integrale copertura del periodo di carenza contrattuale (gennaio 2016- marzo 2018) è stato definito un importo “Una Tantum” di € 150.00 che verrà erogato in due soluzioni di pari importo: la prima con la retribuzione del mese di aprile 2018, la seconda con la retribuzione del mese luglio 2018.

comunicato stampa