Emersione di rapporti di lavoro

Emersione di rapporti di lavoro

Regolarizzazione cittadini stranieri – 2020

Lo Sportello Cna World della CNA di Milano è lieto di comunicarvi che con il C.d. Decreto Rilancio, è stata prevista, tra le altre misure straordinarie, la possibilità di regolarizzare cittadini stranieri, sprovvisti di permesso di soggiorno o con permesso scaduto e non opportunamente rinnovato.

Le domande potranno essere inviate dalle ore 7:00 dal 1° giugno sino alle ore 22:00 del 15 agosto 2020 senza limitazioni di quote.

Tale regolarizzazione riguarderà solo i seguenti settori:

  • agricoltura, allevamento e zootecnia, pesca e acquacoltura e attività connesse;
  • assistenza alla persona per se stessi o per componenti della propria famiglia, anche se non conviventi, affetti da patologie o handicap che ne limitino l’autosufficienza;
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare (colf e baby sitter).

Il datore di lavoro può presentare l’istanza nei casi in cui debba:

  1. Assumere un lavoratore straniero già presente sul territorio dello Stato;
  2. Regolarizzare un rapporto di lavoro già in essere, quindi irregolarmente instaurato con un lavoratore extra comunitario

In entrambi i casi il datore di lavoro dovrà dimostrare di possedere la capacità economica per poter assumere il lavoratore straniero. In particolare, in relazione alla capacità economica del datore di lavoro, i requisiti richiesti sono:

✔️ per il lavoro subordinato (agricoltura, allevamento, pesca)

  • che il reddito imponibile o il fatturato, quali risultanti all’ultima
  • dichiarazione dei redditi o dal bilancio di esercizio precedente, non siano inferiori 30.000,00 euro annui.

✔️ per il lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare o all’assistenza alla persona

  • che il reddito non sia inferiore a 20.000,00 euro, se il nucleo familiare è composto da un solo percettore di reddito, non inferiore a 27.000,00 euro in caso di nucleo familiare inteso come famiglia anagrafica composta da più soggetti conviventi. Il coniuge ed i parenti entro il secondo grado possono concorrere alla determinazione del reddito anche se non conviventi.

La verifica dei requisiti reddituali non si applica al datore di lavoro affetto da patologie o disabilità che ne limitano l’autosufficienza, che presenta l’istanza per un lavoratore straniero addetto alla sua assistenza. 

E’ inoltre previsto un secondo canale di emersione che può essere attivato dal cittadino straniero che è già stato titolare di un permesso di soggiorno (scaduto dopo il 31 ottobre 2019), se concorrono specifiche condizioni, ed in ogni caso deve dimostrare di aver lavorato precedentemente nei settori succitati.

In questo secondo caso, lo straniero dovrà presentare istanza presso la Questura territorialmente competente.

In entrambi i casi, il lavoratore straniero dovrà dimostrare di essere in Italia prima dell’8 marzo 2020.

Infatti il cittadino straniero che desidera regolarizzarsi, deve essere stato sottoposto a rilievi fotodattiloscopici prima dell’8 marzo 2020 o deve aver soggiornato in Italia prima della data suddetta, in forza della dichiarazione di presenza resa ai sensi della legge 28 maggio 2007 n. 68, o documentando la propria presenza con attestazioni di data certa rilasciate da organismi pubblici.

Infine possono inoltrare l’istanza per concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale ovvero per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare in corso, i seguenti soggetti:

  •  cittadino italiano, residente in Italia;
  •  cittadino di uno Stato membro dell’Unione Europea, residente in Italia;
  •  cittadino straniero titolare di un permesso UE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi dell’art. 9 del Testo Unico Immigrazione.

Stante la complessità della procedura, restiamo disponibili a ricevere le richieste di appuntamento per una consulenza di orientamento o per assisterVi nell’inoltro della richiesta e durante la procedura.

Il servizio è a pagamento ed è riservato agli associati della Cna o ai possessori della tessera Cna Cittadini.

Contattando lo Sportello Cna World è possibile ricevere la tessera Cna Cittadini (al costo di 30,00€, con validità un anno a partire dal giorno del rilascio).

La consulenza verrà realizzata nella modalità “da remoto” ovvero sulle piattaforme on line (Zoom, Jit.si, Skype, anche Whatsapp Video…). Solo in casi di necessità e urgenza, potranno essere fissati appuntamenti presso la sede di Via Marco d’Aviano 2, Milano.


E’ possibile richiedere l’appuntamento via mail scrivendo a:

✉️ cnaworld@cnamilano.it

o scrivendo una richiesta tramite Whatsapp al +39 3316193796 


Clicca qui per andare alla pagina dedicata del Ministero dell’Interno

Commenta l'articolo