Indennità INPS, Patronato, Caf e Ricetta elettronica

Dall’INPS le indicazioni per le indennità (600 €) a favore di artigiani, commercianti, liberi professionisti

Con il messaggio numero 1288 l’Inps fornisce l’indicazione per le indennità ai lavoratori le cui attività stanno risentendo dell’emergenza epidemiologica dovuta al Covid-19.
L’Istituto sta provvedendo a mettere a disposizione di tutti i soggetti interessati, nel più breve tempo possibile, le procedure telematiche per la trasmissione delle domande ai trattamenti previsti.

Le indennità non sono erogabili per chi percepisce la pensione o altre forme di trattamenti previdenziali e per chi percepisce il reddito di cittadinanza.

I lavoratori, potenziali destinatari delle suddette indennità, al fine di ricevere la prestazione, dovranno presentare in via telematica all’INPS la domanda utilizzando i consueti canali telematici messi a disposizione per i cittadini e per i patronati nel sito internet dell’Inps, www.inps.it.

Qui di seguito si illustrano sinteticamente le diverse prestazioni previste e si forniscono le prime indicazioni operative.

Dalla prossima settimana Cna si sta strutturando per inviare le domande gratuitamente per i propri Associati.

Per affidare l’inoltro della domanda a Cna è necessario inviare una mail all’indirizzo sotto riportato contenente:

  • indicando il proprio codice IBAN,
  • il Codice Fiscale,
  • dati anagrafici,
  • stato civile e decorrenza (per i soggetti coniugati indicare il Codice Fiscale e i dati anagrafici anche del coniuge),
  • indicare anche se si è iscritti alla gestione separata, commercio o artigianato.
  • allegare: carta di identità in corso di validità.

 

INDENNITÀ COVID 19
Si tratta di indennità previste per il mese di marzo 2020 dell’importo pari ad € 600, non soggette ad imposizione fiscale.
Le categorie di lavoratori destinatari sono lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria (Artigiani e Commercianti), liberi professionisti e collaboratori coordinati e continuativi

Leggi il messaggio 1288

Per informazioni:

0226142543

✉️milano@epasa-itaco.it


PATRONATO CNA: tutti i servizi sono on-line

Il Patronato Epasa-Itaco ha avviato la fornitura di servizi senza andare allo sportello, ma facendo tutto da casa. #NoiCiSiamo è la parola d’ordine per rispondere ai bisogni delle persone.

Sul sito www.epasa-itaco.it è possibile chiedere tutte le prestazioni che la legge stabilisce in materia di welfare e per l’emergenza coronavirus. Non c’è bisogno di mandare mail o telefonare, è come essere di fronte ad un operatore. I cittadini possono chiedere online prestazioni come il congedo e le indennità per lavoratori dipendenti e autonomi, il congedo parentale, il bonus baby sitter oppure i permessi retribuiti. In pratica tutte le misure varate per sostenere le famiglie chiuse in casa con figli a carico, spesso senza più il supporto dei nonni.

Sul terreno anche misure come la proroga dei termini per la presentazione delle domande di disoccupazione NASpI e DIS-COLL e la proroga dei termini di decadenza per le prestazioni previdenziali e assistenziali, tutte da attivare tramite domanda. E anch’esse esigibili tramite il Patronato Epasa-Itaco direttamente online.

Le domande online e in tempo reale anche per tutti gli altri ammortizzatori sociali già in essere: indennità di disoccupazione per lavoratori dipendenti (NASpI), iscritti alla Gestione separata (DIS-COLL) e del settore agricolo (DS agricola); pensione di vecchiaia o anticipata; assegno sociale; invalidità civile e accompagnamento.

CNA sta utilizzando tutti gli strumenti digitali a disposizione per informare le persone sui temi della previdenza, dell’assistenza sociale, della salute nei luoghi di lavoro. Tutti argomenti oggetto di importanti modifiche legislative a causa dell’emergenza COVID-19.


Il CAF CNA ti è vicino, ma un po’ più a distanza!

I Soci della Consulta Nazionale dei CAF hanno deciso di rimandare al 6 aprile l’apertura della campagna fiscale 730/2020, rispettando il termine ultimo previsto delle misure restrittive a causa dell’epidemia di COVID-19 (salvo ulteriori provvedimenti).

Ciò significa che i CAF garantiranno il servizio di assistenza ai contribuenti per le pratiche e le scadenze urgenti,nel rispetto delle norme sanitarie previste dal DPCM -11 marzo 2020.

Le attività proseguiranno attraverso consulenza telefonica e tramite i mezzi tecnologici disponibili.

Il manifesto dei CAF

Si segnala l’articolo 62 che, nel sospendere i termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi, conferma le scadenze dell’assistenza fiscale da modello 730, fissate dall’art. 1 del D.L. n. 9/2020.

Vengono quindi confermate le scadenze del:

  • 31 marzo : consegna e trasmissione telematica della CU
  • 5 maggio: messa a disposizione del 730 precompilato da parte dell’Agenzia delle entrate
  • 30 settembre:  per la presentazione e trasmissione telematica del modello 730.

Salvo ulteriori proroghe, l’attività dell’Ufficio CAF di CNA Cremona sarà riavviata dal 6 aprile, secondo modalità che verranno comunicate in seguito, per evitare comunque gli assembramenti.


Covid-19, ricetta medica via email o con messaggio sul telefono

E’ stata firmata un’ordinanza che consente ai cittadini di ottenere dal proprio medico il “Numero di ricetta elettronica” senza più la necessità di ritirare fisicamente, e portare in farmacia, il promemoria cartaceo. Si tratta di un’ulteriore misura che viene incontro alla necessità di limitare la circolazione dei cittadini e di arrestare i contagi del nuovo coronavirus.

 

Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore, l’assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica tramite:

  • trasmissione del promemoria in allegato a messaggio di posta elettronica, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica certificata (PEC) o quella di posta elettronica ordinaria (PEO);
  • comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica con SMS o con applicazione per telefonia mobile che consente lo scambio di messaggi e immagini, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile;
  • comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica laddove l’assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico.

Commenta l'articolo