area c nuova zona traffico limitato

Area B: la nuova zona a traffico limitato

Attiva dal 25 febbraio 2019, da lunedì a venerdì dalle 7:30 alle 19:30, esclusi i festivi

Riportiamo la sintesi del provvedimento che l’Amministrazione Comunale di Milano ha adottato per contrastare le concentrazioni di PM10 e biossido d’azoto. Provvedimento che nasce anche dal fatto che nel maggio 2018 l’Italia è stata deferita alla Corte Europea per il mancato rispetto dei limiti di qualità dell’aria relativi al PM10, ed è ancora aperta la procedura di infrazione per il superamento dei limiti di qualità dell’aria relativi al biossido d’azoto (NO2 ).

 

Secondo lo IARC (International Agency for Research of Cancer) dell’OMS, l’inquinamento atmosferico è un agente «sicuramente cancerogeno» (classe di rischio 1). La componente dell’inquinamento dell’aria sottoposta a una specifica valutazione è quella del particolato atmosferico per il quale è stata dimostrata una correlazione tra l’aumento di mortalità e l’esposizione media annuale alle concentrazioni di PM2,5, oltre che un aumento di rischio per le malattie tumorali quali il cancro al polmone .

Cosa è Area B?

Area B coincide con gran parte del territorio della città di Milano. È una zona a traffico limitato con divieto di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti oltre a quelli con lunghezza superiore ai 12 metri che trasportano merci.
L’accesso, ove consentito, non è soggetto a pagamento.
Per conoscere il confine e i punti di accesso ad Area B: geoportale.comune.milano.it 

 

Da lunedì 25 febbraio non possono più accedere a Milano i seguenti veicoli per trasporto persone:

  • Euro 0 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel senza FAP
  • Euro 3 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, 1, 2

 

Sempre da lunedì 25 febbraio 2019 non possono più accedere a Milano i seguenti veicoli per trasporto cose:

  • Euro 0 benzina
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1)
  • Euro 0, I, II, III diesel pesanti (N2-N3) senza FAP
  • Euro 3 diesel leggeri con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro III diesel pesanti (N2-N3) con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,025 g/km oppure senza valore nel campo V.5 carta circolazione (In assenza di valore nel campo V.5, è possibile dimostrare la conformità alla disciplina di Area B attraverso il certificato di omologazione rilasciato dalla casa produttrice del veicolo)
  • Euro 0, 1, 2, 3 diesel leggeri (N1)
  • Euro 0, I, II, III pesanti (N2-N3) con FAP after-market con classe massa particolato inferiore a Euro 4 / IV
  • a doppia alimentazione gasolio-GPL e gasolio-metano Euro 0, 1, 2 e Euro I, II

Bonus giornalieri

Affinché il nuovo provvedimento entri gradualmente nelle abitudini degli automobilisti, il Comune di Milano ha previsto per i veicoli sottoposti al divieto, un numero di BONUS GIORNALIERI per accedere e circolare in Area B (DEROGHE AREA B)

Per conoscere tutte le agevolazioni e le deroghe previste: www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/mobilita/Area_B/agevolazioni_deroghe

Ulteriori informazioni su Area B: www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/servizi/mobilita/Area_B

Post a Comment