camera di commercio vademecum

CCIAA Milano: Vademecum per il consumatore e Schema contrattuale

Nel 2018 viene avviata l’iniziativa che vede la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi a supporto di imprese e consumatori, per rendere le regole del mercato più trasparenti possibili, un progetto nel settore dell’installazione di impianti, che prevede la redazione di un Vademecum per i consumatori, la predisposizione di uno schema contrattuale e la realizzazione di un database che contiene le imprese abilitate a svolgere l’attività di impiantistica. Questi strumenti offriranno ai consumatori un livello professionale più elevato e, a tutela degli imprenditori abilitati, un mercato equo e leale.

 

Da quale esigenza nasce questa iniziativa?

 

Per combattere l’abusivismo in materia di impiantistica (DM 37/2008 ex legge 46/90), la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi mette a disposizione dei consumatori un servizio per verificare se l’impresa  individuata può svolgere l’attività prevista dal citato DM.

La consultazione del database può avvenire direttamente dal sito della Camera di commercio, al seguente link.

Il consumatore deve sempre ricordare di essere il responsabile degli impianti di casa propria.
Conoscere gli strumenti che lo rendono più consapevole in una scelta attenta e verso professionisti qualificati, lo garantisce e lo tutela da rischi verso se stesso e verso la famiglia e i terzi.

Il consumatore può verificare con l’impiantista le possibili detrazioni fiscali previste al momento della stipula del contratto per l’installazione dell’impianto, e le modalità di pagamento da seguire per ottenerle.

 

Quali requisiti occorrono?

 

Per le attività di installazione e di manutenzione di pompe di calore e impianti di condizionamento le aziende devono essere in possesso della certificazione F-Gas (ai sensi DPR 43/2012) verificabile al link: www.fgas.it.

Per l’installazione e la manutenzione straordinaria di impianti fotovoltaici, solari termici, riscaldamento e condizionamento l’impiantista dovrà essere in possesso dell’attestato di formazione FER rilasciato da un Ente di Formazione accreditato da Regione Lombardia.
(ai sensi d. lgs.28/2011 art. 15 e ss.mm. e della dgr 3965/2015 di Regione Lombardia art.16)

Commenta l'articolo